Congedi Parentali

legge 53 dell' 8/03/2000

 

 

DISPOSIZIONI PER IL SOSTEGNO DELLA MATERNITÀ E DELLA PATERNITÀ
PER IL DIRITTO ALLA CURA E ALLA FORMAZIONE
E PER IL COORDINAMENTO DEI TEMPI DELLE CITTA'

 

PROGETTO COMUNALE

 

PROGETTO “PART – TIME” PER MAMMA E PAPA’

 

Cosa è

 

Il progetto intende favorire, attraverso un contributo una programmazione familiare che coinvolga sia le madri che i padri e che permetta una suddivisione oraria del lavoro di entrambi, dopo la nascita di un figlio (secondo la particolare situazione lavorativa).

 

L’incentivo varia da 1 a 2 mila euro, secondo il periodo di riduzione dell’orario di lavoro richiesto, che può andare da 6 mesi ad 1 anno, anche in modo frazionato.

Anche i datori di lavoro che si impegnano a trovare soluzioni organizzative per favorire la riduzione dell’impegno orario dei genitori-lavoratori ricevono un incentivo in rapporto alla riduzione concessa.

 

Le domande si accettano tutto l’anno e possono essere presentate fino ai primi 3 anni di vita del bambino. Il contributo erogato agli aventi diritto è proporzionato alla durata del part-time e concesso in una unica soluzione anticipata.


 

A chi è destinato

 

A tutte le famiglie, residenti a Forlì, in cui entrambi i genitori sono occupati, e che hanno risorse economiche documentate (calcolo ISEE), non superiori ai limiti fissati per legge.

 

Cosa serve

 

Occorre presentare apposito modulo, predisposto dal Centro Famiglie, a cui allegare la dichiarazione sostitutiva della situazione economica (ISEE), rilasciata dai CAF e l’autorizzazione del datore di lavoro.

 

 

   per la madre lavoratrice

 

   per il padre lavoratore

Astensione obbligatoria. Viene confermata la durata complessiva prevista di 5 mesi; é però introdotta la facoltà per la lavoratrice di lavorare fino al mese precedente la data presunta di parto e prolungare il periodo di astensione obbligatoria nei 4 mesi successivi la data effettiva di parto.

Si tratta di una libera scelta di cui la lavoratrice potrà fruire a condizione che sia il ginecologo del servizio pubblico e il medico competente dell'azienda certifichino che tale decisione non compromette la salute della madre e del nascituro.

 

 

Astensione obbligatoria: Il padre lavoratore ha diritto all'astensione obbligatoria, per i tre mesi successivi al parto, in caso di morte o di grave infermità della madre, ovvero nel caso di abbandono da parte della stessa o di affidamento del bambino al solo padre. Il padre avrà diritto a percepire l'indennità di maternità pari all'80% della retribuzione per il periodo di obbligatoria.

 

Parto prematuro: in questi casi è previsto che i giorni di astensione obbligatoria non fruiti prima del parto verranno aggiunti al periodo di astensione obbligatoria successiva al parto per garantire alla lavoratrice complessivamente la fruizione dei 5 mesi complessivi.

 

 

 

Astensione facoltativa: La madre lavoratrice, trascorso il periodo di astensione obbligatoria e fino al compimento di 8 anni di età del bambino, ha diritto alla astensione facoltativa per un periodo - continuativo o frazionato - non superiore complessivamente a 6 mesi. Con la nuova legge il diritto potrà essere esercitato anche congiuntamente al padre purché, complessivamente, i genitori non superino i 10 mesi di astensione facoltativa dal lavoro (salvo quanto previsto di seguito per il padre lavoratore). In presenza di un solo genitore lo stesso può beneficiare dei 10 mesi di astensione facoltativa, sempre entro gli 8 anni di vita del bambino.

Lavoratrici autonome: viene esteso alle lavoratrici autonome il diritto all’astensione facoltativa per un massimo di 3 mesi, da godere entro il primo anno di vita del bambino. Ciò vale per i bambini nati a partire dal 1° gennaio 2000.

 

Astensione facoltativa: anche il padre lavoratore ha il diritto di astenersi dal lavoro per un periodo - continuativo o frazionato - non superiore a 6 mesi, nei primi 8 anni di vita del bambino. Se il padre lavoratore si astiene dal lavoro per un periodo continuativo non inferiore a 3 mesi, il limite di 6 mesi viene innalzato a 7 mesi ed il limite massimo complessivo che congiuntamente i genitori non possono superare viene elevato a 11 mesi.

Il padre lavoratore ha diritto all'astensione facoltativa anche quando la madre non ne ha diritto, per esempio perché è disoccupata.

In presenza di un solo genitore lo stesso può beneficiare dei 10 mesi di astensione facoltativa, sempre entro gli 8 anni di vita del bambino.

 

Riposi giornalieri: In caso di parto plurimo i periodi di riposo per allattamento previsti per la madre lavoratrice sono raddoppiati. Ricordiamo che tali permessi erano previsti in: due ore in caso di orario superiore alle 6 ore e 1 ora nel caso di orario inferiore. Le ulteriori 2 ore (o 1 ora in caso di prestazione lavorativa inferiore alle sei ore) possono essere richieste anche dal padre lavoratore dipendente (cioè, le 4 o le 2 ore possono essere divise tra i 2 genitori).

 

Riposi giornalieri: I periodi di riposo giornalieri per allattamento riconosciuti alla madre lavoratrice sono riconosciuti anche al padre nei casi in cui:

a)   il figlio sia affidato al solo padre;

b)   la madre lavoratrice non se ne avvalga;

c)   la madre non sia lavoratrice dipendente.

 

Permessi non retribuiti per malattia del bambino: entrambi i genitori hanno diritto di astenersi dal lavoro durante le malattie del bambino fino ai 3 anni di età (già previsto prima); il diritto viene esteso anche per le malattie del bambino di età compresa fra i 3 e gli 8 anni, nel limite di 5 giorni lavorativi all’anno per ciascun genitore. Qualora la malattia del bambino dia luogo a ricovero ospedaliero si interrompe il decorso delle ferie in godimento del genitore.

ê    Trattamento economico dovuto alle lavoratrici ed ai lavoratori per i periodi di astensione facoltativa

 

 

 

E' disposta la copertura previdenziale figurativa intera fino al terzo anno di vita del bambino e, successivamente al terzo anno, in misura ridotta, per l'astensione facoltativa e per i periodo di assenza per malattia del bambino.

Viene altresì riconosciuta la copertura previdenziale figurativa intera per i riposi giornalieri per allattamento.

 

 

ê    Tutela del rapporto di lavoro e della professionalità delle lavoratrici e dei lavoratori

E' vietata qualsiasi discriminazione fondata sul sesso per quanto riguarda l'accesso al lavoro, indipendentemente dalle modalità di assunzione e qualunque sia il settore o il ramo di attività, a tutti i livelli della gerarchia professionale, anche se attuata attraverso il riferimento allo stato matrimoniale o di famiglia o di gravidanza.

.E' nullo il licenziamento della lavoratrice e del lavoratore oltre che sino al compimento di un anno di età del bambino (tranne il caso di completa cessazione dell'attività aziendale o di licenziamento per giusta causa), anche successivamente al compimento dell'anno di età, se causato dalla domanda o dalla fruizione dei congedi di maternità/paternità.

 

Nei casi di astensione dal lavoro la lavoratrice ed il lavoratore hanno diritto alla conservazione del posto di lavoro e, salvo espressa rinuncia, al rientro nella stessa unità produttiva ove erano occupati ; devono inoltre essere adibiti alle mansioni da ultimo svolte o a mansioni equivalenti.


 

ALTRI CONGEDI

 

Congedi per cause particolari

Diritto ad un permesso retribuito di 3 giorni lavorativi all’anno in caso di decesso o di documentata grave infermità del coniuge, o di un parente entro il secondo grado, o del convivente con convivenza risultante da certificazione anagrafica.

 

Possibilità di richiedere, per gravi e documentati motivi di famiglia, un periodo di congedo non retribuito, continuativo o frazionato, non superiore ai 2 anni, con diritto alla conservazione del posto di lavoro e senza possibilità di svolgere alcun tipo di attività lavorativa. Il lavoratore può coprire ai fini pensionistici detti periodi o attraverso riscatto o con versamento volontario della contribuzione.

Congedi per la formazione

Possibilità di usufruire di congedi non retribuiti per la formazione per un periodo non superiore a 11 mesi nell’intera vita lavorativa. Può essere richiesto da lavoratori con almeno 5 anni di servizio presso la stessa azienda, pubblica o privata, ed è finalizzato al completamento della scuola dell’obbligo, al conseguimento del titolo di studio di 2° grado, del diploma universitario o di laurea, alla partecipazione ad attività formative diverse da quelle poste in essere o finanziate dal datore di lavoro. Durante tale periodo vi è il diritto alla conservazione del posto ed è data facoltà di renderli pensionabili o con il riscatto o con il versamento volontario dei contributi.

E’ istituito il diritto a proseguire un percorso di formazione per tutto l’arco della vita, per accrescere conoscenze e competenze professionali attraverso corsi predisposti dallo Stato, dalle regioni o dagli Enti locali.

E' nullo il licenziamento della lavoratrice e del lavoratore se causato dalla domanda o dalla fruizione dei congedi sia per eventi o cause particolari che per la formazione.

 

ALTRE MISURE DI RILIEVO

 

Sono previsti contributi a favore delle aziende, soprattutto di quelle fino a 50 dipendenti, che applichino accordi contrattuali che prevedono azioni positive in favore della flessibilità degli orari e dell’organizzazione del lavoro (part-time, telelavoro, orario flessibile, ecc..), che vedono coinvolti lavoratrici madri o padri lavoratori (anche di minori adottati o in affido) di bambini di età inferiore agli 8 anni (12 in caso di adozione o affido) e inoltre:.

 

CGIL – FORLI’

Forlì, Giugno 2004

statistiche gratuite